BondWorld.it
Biondo Fabrizio Lemanik

Lemanik: caccia al rendimento con i bond scandinavi

Lemanik: caccia al rendimento con i bond scandinavi. In questa fase è importante privilegiare le scadenze brevi. I mercati regionali come Svezia e Norvegia presentano profili di rischio-rendimento molto più attraenti rispetto ai mercati core…


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Fabrizio Biondo, gestore del fondo Lemanik Active Short Term Credit


   – I settori immobiliare ed energetico sono tra quelli che performano meglio

“In questa fase di tassi di interesse bassi si possono cercare rendimenti nei mercati high yield regionali o satellite, come quello scandinavo, che presentano profili di rischio-rendimento molto più attraenti rispetto ai mercati core”.

 “A livello settoriale, buone opportunità di rendimento si trovano nel settore immobiliare, così come nell’energetico, a parte quello Usa che sta risentendo degli effetti del nuovo virus COVID-19 sui prezzi”.

Nonostante la continua discesa dei rendimenti in questi ultimi anni, il mercato obbligazionario rimane il pilastro su cui si regge il risparmio gestito e può continuare a rappresentare un’alternativa al rendimento zero dei conti correnti.

I tassi sono destinati a rimanere bassi per il prossimo futuro perché il sistema economico mondiale soffre di una combinazione nefasta tra bassa produttività e debito elevato, quindi le obbligazioni sono fortemente supportate dalla enorme liquidità in circolazione.

Allo stesso tempo i premi al rischio nel mercato del credito si sono assottigliati al punto tale da risultare inadeguati a riflettere questa fase del ciclo, in cui sempre più aziende testimoniano un deterioramento della qualità creditizia.

Tutto questo spinge verso una più bassa duration e una più alta selettività. È consigliabile combinare generazione di reddito e acquisto di volatilità attraverso opzioni, dato che la volatilità in tutti i mercati non riflette adeguatamente i rischi presenti.

 “Il nostro fondo Lemanik Active Short Term Credit si focalizza sulla scadenza finale dei titoli e vuole essere un’alternativa remunerativa al mantenimento del denaro fermo sui conti correnti”, spiega Biondo.

Oltre il 50% del portafoglio scade normalmente entro i 12 mesi, dando luogo a una copiosa e spontanea generazione di cassa che mette l’investitore al riparo dall’illiquidità del suo investimento e la vita media così bassa riduce drasticamente la sensitività ai tassi d’interesse e agli spread di credito.

Scadenze così a corto termine comportano una costante e spontanea generazione di cassa che viene poi reinvestita alle condizioni prevalenti sul mercato. Come conseguenza, le opportunità create da correzioni di mercato o da un rialzo dei tassi indotto da una crescita delle aspettative di inflazione verrebbero colte molto rapidamente.

In questo modo si riducono i rischi dell’investimento, conservando le opportunità positive da esso derivanti.

 “Guardando alle posizioni più rilevanti nel fondo, in Norvegia attualmente privilegiamo HOEGH LNG, leader a livello mondiale nello sviluppo e nella gestione dei terminal galleggianti di gas naturale liquefatto e TEEKAY LNG, che possiede una delle maggiori flotte di navi da trasporto”, conclude Biondo.

“In Cina, puntiamo su CONCORD NEW ENERGY, attiva nella generazione elettrica attraverso l’investimento e la gestione di parchi eolici e la realizzazione di attrezzature in ambito affine. In India su NERGEN, società attiva nel settore delle rinnovabili”.

Fonte : BondWorld.it

Articoli Simili

BlueBay: L’ottimismo dei mercati: coraggio o compiacenza?

Redazione

BlueBay: scosse sui mercati, quali le prospettive per gli emergenti?

Redazione

Pictet Asset Management : La geopolitica del Coronavirus

Redazione