Analisi Obbligazionarie

Mercato Obbligazionario a rischio volatilità

Bezalel_Ariel_Jupiter Mercato Obbligazionario

Il Mercato Obbligazionario , secondo JUPITER AM richiede una certa prudenza…

Analisi a cura di Ariel Bezalel, Head of Strategy, Fixed Income e gestore del fondo Jupiter Dynamic Bond, Jupiter Asset Management

Il rally dei Treasury americani solitamente legato a un clima di avversione al rischio si è rivelato modesto.

Ciò è stato in qualche modo deludente, pur essendo indicativo della forza dell’economia statunitense:

  • le stime sulla crescita del PIL nel secondo trimestre sono state riviste al rialzo al 4,2%
  • il tasso più alto dal 2014.

Nonostante ciò, gli indicatori continuano a suggerire che il Paese si trova in una fase ormai avanzata del ciclo economico.

In aggiunta, l’economia è lungi dall’essere immune dai cambiamenti che si verificano altrove nel mondo.

  • I valori dell’indice PMI hanno iniziato a contrarsi in diverse nazioni, e stiamo assistendo ai primi segnali di un rallentamento del commercio mondiale.
  • In particolare, il fatto che oltre il 45% dei guadagni delle società parte dell’indice S&P500 provenga da fonti internazionali ha acceso i riflettori sui rischi per gli Stati Uniti.
  • Un dollaro forte finirà per intaccare la redditività e frenare la capacità di alcune aziende di competere a livello globale.

Naturalmente, il vero colpevole della volatilità è la graduale ma inesorabile stretta alle politiche monetarie.

Malgrado le turbolenze sui mercati e le pressioni non convenzionali da parte del presidente Trump, la Federal Reserve rimane fermamente decisa a seguire le sue attuali strategie di:

  • aumento dei tassi di interesse
  • di riduzione del bilancio.

Il piano della Banca centrale europea di porre fine al suo programma di Quantitative Easing da 2.400 miliardi di euro entro la fine dell’anno aumenterà ulteriormente la pressione sulla liquidità globale, già in riduzione.

Pertanto, a nostro avviso, è probabile che da qui in poi i mercati diventeranno ancora più volatili.

Di conseguenza, continuiamo a credere che il nostro approccio improntato alla prudenza sia giustificato.

Fonte: BondWorld.it

 

Related posts

Il Punto: Il referendum scozzese

1admin

Trump, questo sconosciuto

1admin

Capital Group: Svolta per l’Europa

1admin