BondWorld.it
Dwek Esty Natixis IM

Natixis IM: un posizionamento in attesa dell’inflazione

Natixis IM. Che la spesa sia destinata ad aumentare è un dato di fatto. Tuttavia, con livelli di disoccupazione ancora alti e un’economia ancora debole, è poco probabile che anche una ripresa della spessa sia in grado di generare l’inflazione, soprattutto su livelli sostenuti.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Commento a cura di: Esty Dwek, Head of Global Macro Strategy, Natixis IM Solutions


Anzi, il mercato del lavoro impiegherà anni per riprendersi, con la disoccupazione che non ci si aspetta possa tornare al livello del 4% prima del 2022 o 2023. Inoltre a causa della pandemia è aumentata la quota di disoccupazione permanente, dato che probabilmente una quota di posti di lavoro, specialmente nei settori dei servizi, non sarà recuperata. Per questo motivo la debolezza del mercato del lavoro suggerisce che i prezzi non possano salire più di tanto.

Con così tanti lavoratori ai margini, il settore dei servizi ha molto pricing power? È probabile che l’inflazione headline salga sopra il 2% nei prossimi mesi, poiché gli effetti di base nella primavera del 2020 porteranno ad un rimbalzo tecnico dell’inflazione su base transitoria. Tuttavia, le misure principali tendono a seguire la componente dei servizi, che probabilmente salirà solo quando il mercato del lavoro si restringerà. Una lenta ripresa del mercato del lavoro dovrebbe fungere da freno alle misure sull’inflazione core.

Inoltre, i ritardi nelle vaccinazioni, le interruzioni logistiche alle consegne dei vaccini e le preoccupazioni per le nuove varianti suggeriscono che l’economia globale non si riaprirà contemporaneamente ovunque. Ciò potrebbe essere valido anche tra i diversi stati all’interno degli Stati Uniti. Questo suggerisce che è improbabile assisteremo ad un’accelerazione significativa, o almeno non continua. Infine, un tecnicismo sul mercato delle aspettative d’inflazione (breakeven) suggerisce che l’inflazione non sia in procinto di aumentare.

Infatti, i TIPS (Treasury Inflation-Protected Securities) sono interpretati come una proxy per quanto riguarda le aspettative di inflazione, ma il premio di liquidità nel segmento TIPS lascia intendere sia questo premio che in realtà si sta muovendo, piuttosto che le reali aspettative di inflazione. Nel complesso, ci aspettiamo l’inflazione aumenti a causa degli effetti di base e della massiccia spesa fiscale con la domanda repressa scatenata dalla riapertura delle economie, ma crediamo che questo travaserà in un aumento temporaneo. La Fed ha già dichiarato che non reagirà (eccessivamente) e i rendimenti dovrebbero quindi rimanere in qualche modo limitati.

Se da un lato non ci aspettiamo grandi movimenti sul fronte dell’inflazione quest’anno, il trade di reflazione è invece destinato a continuare a ricevere supporti dalla diffusione dei vaccini e dalla massiccia spesa fiscale dell’amministrazione Biden. È probabile che i rendimenti salgano ancora e che il recupero dei settori ciclici vada avanti. In questo contesto, il reddito fisso è destinato a soffrire maggiormente, soprattutto sul fronte del debito sovrano. Ci siamo concentrati sugli Stati Uniti, ma è probabile che i rendimenti europei salgano di pari passo, anche se in misura minore.

Gli spread di credito si sono già evidentemente ristretti, ma hanno ancora spazio per assorbire alcuni rendimenti più elevati, il che ci mette in condizioni più favorevoli dinanzi al rischio di credito che con quello legati ai tassi d’interesse. I mercati azionari dovrebbero continuare a fare bene fino a quando i rendimenti non saliranno e la Fed resterà in attesa – quello che per noi è lo scenario più probabile. Infatti, le valutazioni, già elevate, si deteriorerebbero ulteriormente con tassi più alti.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Aberdeen SI : BCE: focus sul sell off obbligazionario

Redazione

Columbia TI : Speranze di una ripresa con posti di lavoro per i “colletti verdi”

Redazione

Generali Investments – Un tantrum sui mercati, quanto meno una forma di tantrum

Redazione