BondWorld.it
NN IP

NN IP: la sfida dei Governi nel mondo post Covid-19

NN IP: Il coronavirus ha messo le società e le economie difronte a un punto di svolta. Le popolazioni hanno trovato nuovi modi di vivere e di lavorare; le aziende hanno inventato nuovi modi di fare business.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


    Il liberalismo e la globalizzazione potrebbero far posto al populismo o a una “nuova sinistra”.

    Il modello “Stato forte” potrebbe essere un’evoluzione dell’esperienza Covid-19

    Una guerra fredda USA-Cina costringerebbe ogni nazione a schierarsi

I leader di governo di tutti i colori politici, nel frattempo, stanno cercando di gestire la diffusione del virus attenuandone i danni economici. Dopo essersi fatto strada con forza in cima all’agenda politica interna di quasi tutte le nazioni, il Covid-19 ha ora il potenziale per fungere da catalizzatore per un’ondata di trasformazione dei governi.

La pandemia di Covid-19 ha lasciato molte persone con un senso di angoscia, ma ha anche suscitato un desiderio di cambiamento. Nel frattempo, i politici si sono trovati ad affrontare sfide e poteri senza precedenti. In questo contesto, NN Investment Partners (NN IP) identifica tre incognite che sono destinate a diventare un acceleratore delle tendenze esistenti e un catalizzatore del cambiamento.

“Il mix di politiche dominanti nel 2020 sarà definito in base al fatto che la mentalità liberale degli ultimi quattro decenni lasci spazio ai nazionalisti e ai populisti, o a una ‘nuova sinistra’ di politici progressisti”, ha detto Marco Willner, Head of Investment Strategy di NN IP. “Un’altra questione chiave sarà se vedremo l’ascesa dello Stato forte, o una continuazione dello Stato del laissez-faire che ha caratterizzato le politiche economiche a partire dagli anni ’80”.

La pandemia potrebbe anche essere il catalizzatore di una guerra fredda tra Stati Uniti e Cina, secondo Willner. Metterebbe fine alla coesistenza di una cooperazione internazionale e concorrenza economica tra i Paesi e sposterebbe il rapporto verso la concorrenza strategica e il contenimento.

Durante il quarto evento della serie UpsideDown di NN IP che si concentra sul mondo dopo la pandemia, Marco Willner è stato raggiunto da Mariana Mazzucato, premiata economista e docente, la quale ha dichiarato:

“Il Covid ci offre l’opportunità di fare capitalismo in modo diverso. Come misuriamo il valore, come collaboriamo per raggiungere obiettivi comuni, e come strutturiamo i rapporti pubblico-privato per essere meno legati all’elemosina e alle garanzie e più ai coinvestimenti – condividendo sia i rischi che le ricompense. Dobbiamo governare il divario digitale, i diritti di proprietà intellettuale per il vaccino e il recovery fund in modo tale da mettere al centro il bene comune. Questo significa che lo scopo e il valore degli stakeholder non devono più essere messi al centro della governance aziendale, ma devono andare al centro di come costruiamo partnership tra tutti i creatori di valore – nelle organizzazioni pubbliche, private e della società civile. Dobbiamo ricostruire meglio”.

Per capire l’impatto che la pandemia potrebbe avere sulle sfide che i governi devono affrontare dopo la pandemia, NN IP ha identificato tre incognite fondamentali. Analizzando come queste incognite potrebbero svilupparsi e quanto questi cambiamenti potrebbero essere rapidi e permanenti, e come gli investitori possono posizionarsi meglio in un mondo post-pandemico.

Il liberalismo lascerà il posto al nazionalismo populista o a una “nuova sinistra”?

La scomparsa della globalizzazione dopo la crisi finanziaria del 2008 ha creato un terreno ricco per i leader populisti di destra che hanno offerto soluzioni semplici per le persone che sono state lasciate indietro dalla globalizzazione. Ora, all’indomani della pandemia, i governi liberali potrebbero essere sotto pressione perché i vantaggi della globalizzazione si sono affievoliti e la disuguaglianza rimane una questione urgente, mentre i leader populisti sono a rischio perché il loro disgusto per i leader tecnocratici è spesso andato di pari passo con una cattiva gestione della pandemia.

Questo potrebbe portare a una sorta di contrattacco che apre la strada ai politici progressisti, e al ripristino del rispetto dei fatti. Questi politici di “nuova sinistra” si trovano spesso nei partiti verdi d’Europa. Lottano per un tipo di inclusione moderna, dove le questioni sociali hanno più peso, e danno priorità alle questioni pubbliche come la sanità, l’ambiente, l’istruzione e le infrastrutture. La direzione politica generale della nuova sinistra punta alle pari opportunità piuttosto che alla parità di reddito.

Stato forte o liberalismo?

Le recenti misure di lockdown hanno violato le libertà personali e hanno portato alla chiusura delle frontiere. La pandemia ha anche lasciato la maggior parte dei governi con livelli di disoccupazione e di debito in aumento, il che ha aumentato la pressione per aumentare le tasse.

In breve, i governi hanno recentemente esercitato un potere molto maggiore rispetto al passato, e le nuove sfide economiche richiedono un maggiore intervento in futuro. Uno “Stato forte” potrebbe intervenire in due aree diverse: a livello di diritti individuali o come attore dominante nell’economia nazionale.

Una nuova guerra fredda

La pandemia potrebbe essere il catalizzatore di una guerra fredda tra Stati Uniti e Cina. Metterebbe fine alla coesistenza di una cooperazione internazionale e concorrenza economica tra i Paesi e sposterebbe il rapporto verso la concorrenza strategica e il contenimento. La dottrina “America First” del presidente americano Donald Trump tenta di sciogliere l’ordine multilaterale che gli Stati Uniti hanno contribuito a stabilire dopo la Seconda guerra mondiale. Questo ritiro crea un vuoto di potere che la Cina cerca di colmare. Se la tendenza al contenimento domina, tutti i paesi dovranno scegliere da che parte stare.

Per l’Europa, una nuova guerra fredda potrebbe creare un momento cruciale. La minaccia esterna potrebbe essere il catalizzatore di una maggiore integrazione politica, militare ed economica. Tuttavia, la diversità dei numerosi Paesi europei ha due implicazioni. In primo luogo, è improbabile che tutti i paesi europei optino per lo stesso lato. In secondo luogo, la cooperazione tra i paesi europei sarà sufficiente per creare un’unione abbastanza forte da competere nella corsa globale, ma è improbabile che una tale unione abbandoni completamente il modello dello Stato-nazione e diventi essa stessa una potenza leader. La politica europea è sempre stata quella di trovare il giusto equilibrio.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Mirabaud AM: Al meeting di giovedì la BCE manterrà le politiche attuali ma non con il pilota automatico

Redazione

PIMCO: La BCE è in standby

Redazione

La Financière de l’Echiquier – Tassi “Irreali”

Redazione