BondWorld.it
NN IP

NN IP: Tassonomia UE: le percentuali mostrano che il pieno allineamento deve ancora essere raggiunto

NN IP:  È necessario uno sforzo a livello industriale per condividere informazioni e orientamenti se la tassonomia UE deve essere uno strumento efficace


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


    Le obbligazioni verdi sovrane e le banche faticano a soddisfare i criteri a causa dell’insufficiente disponibilità di informazioni

    Gli emittenti di servizi e trasporti tendono a fare bene secondo i criteri

I regolamenti della tassonomia dell’Unione Europea sono stati introdotti quest’anno come parte del blocco del piano d’azione per finanziare la crescita economica sostenibile in Europa. I regolamenti forniscono i criteri che devono essere soddisfatti per le attività economiche per essere classificate come sostenibili o verdi. Gli asset manager dovranno dimostrare il loro allineamento con le categorie della tassonomia UE nei loro portafogli, ma il team Green Bond di NN Investment Partners (NN IP) ha già valutato l’allineamento dei suoi fondi. La valutazione mostra che la tassonomia favorisce chiaramente alcuni tipi di attività ed emittenti. Poiché la tassonomia è ancora in crescita per quanto riguarda il numero di attività incluse, NN IP riconosce che, a causa della portata limitata e ancora in evoluzione della tassonomia UE, non ci si può aspettare un allineamento al 100% in questo momento. Sia i sovrani che le banche stanno ancora imparando a conoscere il livello di informazioni e di dettaglio richiesto per eseguire un esercizio di allineamento della tassonomia UE. Nei prossimi anni ci aspettiamo molti cambiamenti nel livello di dettaglio, soprattutto da parte degli emittenti non allineati che vogliono aumentare le loro percentuali.

Gli emittenti che stanno lavorando sull’allineamento tendono a fornire informazioni insufficienti, anche se potrebbero soddisfare molti criteri “verdi”. Si possono anche trovare emittenti che non separano le loro categorie in modo abbastanza dettagliato. Le società di servizi e di trasporto tendono a fare bene in termini di allineamento, in genere perché includono molte allocazioni di energia rinnovabile nelle loro obbligazioni e nel trasporto elettrico. Le obbligazioni emesse dalle banche tendono ad avere o a divulgare meno informazioni sui progetti che finanziano per eseguire l’esercizio della tassonomia UE. Inoltre, le obbligazioni verdi sovrane generalmente sottoperformano in gran parte a causa del modo in cui l’allocazione è strutturata nelle stesse. Ad esempio, se un’obbligazione verde sovrana destina il 25% all’ufficio del ministero dell’ambiente, questo non può essere mappato in nessuna categoria della tassonomia e quindi non è possibile eseguire un esercizio di allineamento della tassonomia, il che potrebbe comportare la bollatura come “non allineato”.  Sebbene la percentuale differisca tra i fondi green bond di NN IP, il loro allineamento complessivo alla tassonomia è di circa il 60%. Ciò si basa sulla rigorosa metodologia di NN IP, pubblicata nel dicembre 2020, che impiega una valutazione dettagliata di tutte le singole componenti e un approccio conservativo nel ritenere un’attività non allineata se non vengono fornite informazioni sufficienti.

Se la tassonomia UE deve essere uno strumento efficace per identificare investimenti veramente verdi e sostenibili, NN IP ritiene che sia necessario uno sforzo a livello industriale per condividere informazioni e orientamenti.

Isobel Edwards, Green Bonds analyst di NN Investment Partners ha commentato: “La mancanza di allineamento al 100% non è ancora una preoccupazione perché la tassonomia è ancora in crescita per quanto riguarda il numero di attività incluse e gli emittenti sono ancora alle prese con il livello di informazioni e dettagli richiesti per eseguire un allineamento della tassonomia UE. Una parte sostanziale dei nostri fondi includerà sempre obbligazioni verdi sovrane, che risultano avere l’allineamento più basso di tutte le attività che abbiamo valutato nel nostro portafoglio. Non significa che questi stiano finanziando progetti non verdi, i rapporti di allocazione non sono semplicemente scritti in modo da poter effettuare una valutazione, oppure l’obbligazione consiste in un’attività che non è ancora coperta dalla tassonomia UE, come la produzione tessile o le telecomunicazioni. Nei prossimi anni, ci aspettiamo molti cambiamenti nel livello di dettaglio, specialmente dagli emittenti non allineati che vogliono aumentare le loro percentuali. Ci auguriamo che gli emittenti sovrani in futuro prendano in considerazione anche la tassonomia dell’UE quando sviluppano i loro framework, per alleggerire il carico di lavoro degli investitori e dei gestori patrimoniali nel reperire le informazioni”.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

BlueBay – La povertà di energia dell’Europa e le conseguenze su mercati e bollette

Redazione

Intesa Sanpaolo : FOMC: con l’economia USA frenata dal lato dell’offerta, è giunta l’ora del tapering

Redazione

Mirabaud AM: Cina, aumentano le emissioni di titoli di Stato

Redazione