BondWorld.it
Wilding Tiffany PIMCO

PIMCO: Il “falso allarme” dell’inflazione USA

PIMCO: Gli investitori dovrebbero essere preparati a un “falso allarme” dell’inflazione in quello che probabilmente sarà un contesto di investimento volatile nel breve termine.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Tiffany Wilding, economista esperta di America Settentrionale di PIMCO


Questo falso allarme sarà probabilmente più pronunciato negli Stati Uniti, dove i prezzi più alti delle materie prime, i colli di bottiglia commerciali e le proiezioni per il tasso di crescita più elevato degli ultimi 40 anni hanno contribuito ai timori di surriscaldamento. Questi timori diventeranno probabilmente più acuti nei prossimi mesi, quando l’attività economica si riprenderà insieme a una migliore prospettiva di salute pubblica, portando con sé una normalizzazione dei prezzi. È probabile che l’inflazione complessiva acceleri fino al 3,5% su base annua (a/a) entro maggio – il ritmo più veloce degli ultimi 10 anni.

Nei prossimi mesi, ci aspettiamo di assistere a un aggiustamento su più periodi del livello dei prezzi, che sembrerà molto simile a un movimento verso l’alto dell’inflazione. Tuttavia, nella seconda metà del 2021, con l’economia statunitense che continua a normalizzarsi, crediamo che la crescita sequenziale (trimestre su trimestre) dell’attività economica reale e dei prezzi rallenterà, facendo scendere il tasso di inflazione a/a. Prevediamo che l’inflazione di base dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) finirà l’anno modestamente al di sotto del 2%, e anche se il CPI di base dovrebbe accelerare al 2,2% nel 2022, le differenze nella costruzione dell’indice significano che la misura dei prezzi di base delle spese al consumo personali (PCE) preferita dalla Fed rimarrà indietro. Questa delusione potrebbe essere tutto ciò di cui i mercati hanno bisogno per moderare le aspettative per una politica più rigida della Fed.

Il FOMC prevede un’inflazione core PCE del 2,2% alla fine di quest’anno, che è 0,5 punti percentuali sopra la nostra previsione e 0,3 punti percentuali sopra il consenso di Bloomberg. Sembra che la Fed si aspetti un ritardo un po’ più grande tra il ritorno dell’offerta dopo le interruzioni dovute alla pandemia e l’accelerazione della domanda. Mentre siamo d’accordo che una tempesta perfetta di fattori legati alla pandemia ha contribuito alle strozzature delle produzioni e delle spedizioni globali, pensiamo che il grosso degli aumenti dei prezzi legati a questi problemi sia già avvenuto, non crediamo che la situazione peggiorerà abbastanza da spingere l’inflazione di base 0,5 punti percentuali più in alto di quanto ci aspettiamo attualmente nei prossimi mesi.

Le attuali strozzature nelle spedizioni globali sono iniziate alla fine dello scorso anno dopo che i rivenditori hanno tagliato gli ordini all’inizio del 2020 aspettandosi un crollo delle vendite, solo per essere sorpresi dalla rapida ripresa della domanda dei consumatori. Questa domanda, a sua volta, ha colto l’industria delle spedizioni alla sprovvista e ha contribuito alla carenza di container, a tariffe di trasporto più alte e a tempi di consegna più lenti.

La situazione è stata particolarmente acuta per le rotte di spedizione dalla Cina alla costa occidentale degli Stati Uniti. Tuttavia, con i tassi di nolo delle navi container già ai massimi pluriennali e i dettaglianti che trasferiscono i costi aggiuntivi ai consumatori, ci chiediamo quanta inflazione ancora dobbiamo aspettarci. In effetti, l’inflazione dei beni al dettaglio ha già accelerato per tornare a essere piatta dopo essere scesa dell’1,5% a/a nel maggio dell’anno scorso.

Le nostre previsioni prevedono che il ritmo salirà al 2% a/a nei prossimi mesi – il tasso più elevato in oltre 10 anni. Tuttavia, non ci aspettiamo un’inflazione persistente. Infatti, proprio come i consumatori hanno sostituito vari servizi con beni durevoli nel 2020, sospettiamo che la domanda di beni durevoli si raffredderà un po’ nel 2021, poiché una porzione maggiore della popolazione si vaccina e comincia a consumare nuovamente servizi. Questo raffreddamento della domanda potrebbe attenuare la capacità dei rivenditori di trasferire i costi più elevati, compensando le pressioni inflazionistiche in altre categorie di servizi, come i biglietti aerei e gli alloggi.

Simile ai problemi che affliggono la catena di approvvigionamento dei beni al dettaglio, la carenza globale di semiconduttori sta interrompendo la produzione automobilistica degli Stati Uniti in un momento in cui le scorte di auto erano già basse. I semiconduttori rappresentano solo il 3% del costo totale della costruzione di un’auto. Tuttavia, le interruzioni della produzione stanno contribuendo alla carenza di forniture di veicoli, che, a sua volta, sta facendo aumentare i prezzi. Nel 2020, le vendite di auto sono aumentate sulla scia della pandemia, grazie alla domanda di alternative al trasporto pubblico, ai tassi bassi e agli stimoli del governo. Allo stesso tempo, le epidemie di COVID-19 hanno fatto chiudere gli stabilimenti di assemblaggio dei veicoli.

Di conseguenza, il rapporto inventario/vendite per i rivenditori di auto è sceso al minimo da 20 anni. I veicoli nuovi e usati rappresentano circa il 6,7% del paniere CPI, quindi questa dinamica ha avuto un impatto sui prezzi complessivi. Nei prossimi mesi, ci aspettiamo che le basse scorte facciano aumentare ulteriormente i prezzi, e l’interruzione della produzione automobilistica ci ha indotto a rivedere leggermente al rialzo la nostra previsione d’inflazione per quest’anno. Nella seconda metà di quest’anno, quando i colli di bottiglia verranno meno e i consumatori modereranno alcuni dei loro acquisti di beni durevoli, anche l’inflazione automobilistica dovrebbe alla fine normalizzarsi.

Proprio come abbiamo visto i prezzi scendere bruscamente quando i viaggi si sono fermati l’anno scorso, ora ci aspettiamo una forte ripresa con la ripresa dei viaggi. I dati ad alta frequenza suggeriscono che la mobilità e il traffico aereo negli Stati Uniti hanno iniziato a migliorare significativamente a marzo, e che il livello dei prezzi per questi settori tornerà ai livelli pre-COVID alla fine del 2022. Tuttavia, mentre ci aspettiamo una forte ripresa dei prezzi, gli hotel e le tariffe aeree rappresentano ciascuno meno dell’1% del CPI.

Di conseguenza, una forte ripresa per questi settori sosterrà la nostra previsione a breve termine di un falso allarme. Vale a dire che probabilmente creeranno una certa volatilità nella reportistica mensile, ma non sono una parte abbastanza significativa del paniere da influenzare l’andamento generale dell’inflazione statunitense.

La ripresa della domanda dovrebbe aiutare i prezzi a normalizzarsi quest’anno, ma questo dovrebbe essere pensato come un aggiustamento su più mesi del livello dei prezzi, e non come un aumento dell’inflazione. Ci aspettiamo che i consumatori risparmino meno dei loro assegni di stimolo del governo nel 2021, ma non che spendano gran parte dei risparmi in eccesso accumulati l’anno scorso. Mentre le misure di stimolo del governo probabilmente chiuderanno l’output gap quest’anno, non ci aspettiamo che un ampio e persistente superamento dell’output gap contribuisca a un’inflazione incontrollata.

Il rapporto sul CPI di marzo rilasciato questa settimana ha confermato il primo mese di questo aggiustamento del livello dei prezzi, con un’inflazione core dello 0,3% m/m, e potremmo avere letture simili in aprile e maggio. Tuttavia, nella seconda metà del 2021, con l’ulteriore normalizzazione dell’economia, ci aspettiamo che la crescita sequenziale dell’attività economica reale e dei prezzi rallenti, moderando il ritmo a/a dell’inflazione.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

DPAM : Reddito fisso: il (fragile) equilibrio di Nash

Redazione

Intesa Sanpaolo: Un PNRR ambizioso

Redazione

Mirabaud AM: Eurozona, il rimbalzo nell’attività economica acquisisce slancio

Redazione