BondWorld.it
Veit Konstantin PIMCO

PIMCO: La BCE è in standby

PIMCO. Il Consiglio direttivo della BCE si riunisce giovedì e non prevediamo cambiamenti nella configurazione della politica monetaria.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Konstantin Veit, Portfolio Manager European Rates di PIMCO


La BCE ha innestato il pilota automatico. Monitorerà come le condizioni macroeconomiche si svilupperanno nei prossimi mesi e risponderà a qualsiasi inasprimento sostanziale delle condizioni di finanziamento con il programma di acquisti per l’emergenza pandemica (PEPP), in linea con il suo framework per il controllo della curva dei rendimenti. Le politiche della BCE stabilizzano le attività di rischio europee, ma gli spread hanno fatto molta strada, i rischi per le prospettive macroeconomiche rimangono elevati e un regime di dura dominanza fiscale è ancora fantomatico.

La leadership della BCE ha fatto frequente riferimento al fatto che non mira a condizioni finanziarie più facili, ma piuttosto a preservare le attuali condizioni di prestito per un periodo di tempo prolungato. Poiché la politica fiscale è considerata lo strumento preferenziale in un contesto di elevata incertezza vicino al limite inferiore effettivo, il ruolo della BCE consiste principalmente nel favorire la politica fiscale e nel garantire condizioni di finanziamento favorevoli per il settore privato e pubblico dell’economia dell’area dell’euro.

L’attenzione alle condizioni di finanziamento più che a quelle finanziarie relega le considerazioni sull’equity e sulla valuta in secondo piano e prevede una transizione dalle quantità ai prezzi, a una qualche forma di controllo della curva dei rendimenti. Riteniamo che il PEPP sia lo strumento appropriato per controllare la curva dei rendimenti nell’area dell’euro, in quanto riguarda sia la posizione generale di politica monetaria sia il canale di trasmissione, e la BCE continuerà ad utilizzare la flessibilità intrinseca del PEPP per controllare la curva dei rendimenti a seconda che prevalgano considerazioni in termini di posizione o di trasmissione, con l’obiettivo di mantenere condizioni di prestito accomodanti per tutte le giurisdizioni dell’area dell’euro per la durata della pandemia.

L’assetto istituzionale mantiene una certa ambiguità residua, ma quanto più chiaramente la BCE scelga di comunicare la funzione di reazione, tanto minore sarà la quantità di asset che dovrà eventualmente acquistare nell’ambito della gestione della curva dei rendimenti, poiché il settore privato sarà interessato da un fenomeno di crowding-in e investirà a sua volta.

La BCE spera probabilmente che il primo semestre dell’anno non richieda importanti decisioni di politica monetaria e che le condizioni consentano di concentrarsi intensamente sulla revisione della strategia in corso. Una volta che gli effetti della pandemia sull’andamento dell’inflazione saranno sufficientemente neutralizzati attraverso misure di politica temporanea come PEPP e TLTRO aggressivi, crediamo che gli strumenti di acquisto di asset più tradizionali torneranno in primo piano per mettere a punto la posizione di politica monetaria post-pandemica a partire dal 2022, mentre i tagli dei tassi d’interesse rimarranno in secondo piano. In questo contesto, la revisione della strategia dovrebbe contribuire a definire e comunicare il ruolo della politica monetaria in prossimità del limite inferiore effettivo.

La BCE intende presentare l’esito delle deliberazioni nel corso della seconda metà dell’anno, per cui sebbene gli interrogativi emergano con maggiore frequenza e la revisione si sposti gradualmente verso un sostegno più netto, è probabilmente troppo presto per Christine Lagarde divulgare anticipazioni significative per alcuni mesi a venire. E mentre il numero di aree tematiche legate alla revisione continua a crescere – fino ad arrivare ad oggi a 13 diversi flussi di lavoro – continuiamo ad aspettarci che la revisione porti ad un’evoluzione invece che ad una rivoluzione e non prevediamo implicazioni di investimento radicali come risultato di questa operazione. Revisione o non revisione, la BCE dovrà rimanere molto accomodante per gli anni a venire e, semmai, le conclusioni della revisione tenderanno probabilmente a un prolungamento delle politiche accomodanti.

Il mandato principale della BCE è quello di mantenere la stabilità dei prezzi, definita dal 2003 come tassi di inflazione inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine. Inoltre, la dichiarazione introduttiva alle conferenze stampa che seguono i regolari incontri di politica monetaria sottolinea l’impegno alla simmetria rispetto all’obiettivo dell’inflazione. E la traiettoria dell’inflazione rimane sconfortante. A dicembre l’inflazione IAPC headline dell’area dell’euro è rimasta stabile a -0,3% su base annua, rimanendo in territorio negativo per il quinto mese consecutivo. L’inflazione core, invece, è rimasta invariata al minimo storico dello 0,2% su base annua per il quarto mese consecutivo.

Le attuali previsioni di inflazione core e headline HICP della BCE per il 2023 si attestano rispettivamente all’1,2% e all’1,4%; in altre parole, la BCE prevede di non raggiungere in maniera evidente la propria definizione di stabilità dei prezzi per altri tre anni. Il dato dell’1,4% per il 2023, per quanto riguarda l’inflazione HICP, è però incredibilmente basso e solleva nuovi interrogativi sull’interpretazione della stabilità dei prezzi da parte della BCE e sulla strategia di mantenere più a lungo l’attuale configurazione della politica monetaria invece di allentare le condizioni in modo aggressivo.

Il pacchetto di misure di politica monetaria del dicembre 2020 porterà probabilmente a un modesto miglioramento dell’inflazione nel round di marzo delle proiezioni macroeconomiche degli esperti, ma la posizione meno preventiva, combinata con un debole track record in termini di raggiungimento del mandato primario, mantiene in vita i dubbi di lunga data sull’impegno della BCE per una simmetria intorno a un obiettivo di inflazione vicino al 2%, e non placa in modo convincente il rischio di un de-anchoring delle aspettative di inflazione nell’area dell’euro sulla falsariga del modello giapponese.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Tikehau Capital  e MACSF : Tikehau Financement Entreprises il nuovo prodotto unit-linked di private-debt nell’assicurazione ramo vita

Redazione

Federated Hermes: aspettando il via libera ai consumi nell’Eurozona

Redazione

BlueBay: Perche’ in questa fase di mercato non c’e’ spazio per essere compiacenti

Redazione