BondWorld.it
Casanova Carlos Union Bancaire Privée UBP

UBP: Cina: I fattori dietro una crescita più debole nel 2022

UBP. Numerosi fattori ostacolano la crescita nel 2022. Come previsto, l’economia cinese ha continuato a rallentare nel terzo trimestre 2021.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Carlos Casanova, Senior Economist, Asia I Union Bancaire Privée – UBP


La crescita del PIL si è indebolita al 4,9% a/a, in calo dal 7,9% registrato nel secondo trimestre 2021, deludendo le aspettative di un’espansione del 5,0%. In termini sequenziali, l’economia ha rallentato di 0,2% SA t/t, in calo dall’1,3% del secondo trimestre 2021. I fattori che hanno sostenuto l’attività sequenziale – domanda esterna sostenuta e stabilizzazione sul fronte del lavoro – si dimostreranno insufficienti a compensare un insieme di ostacoli:

    in primo luogo, il continuo inasprimento delle normative. A partire da novembre 2020, le autorità regolamentari hanno implementato in modo proattivo un’ampia gamma di strumenti politici per affrontare le carenze strutturali dell’economia cinese, tra cui il ruolo delle grandi piattaforme tecnologiche, le preoccupazioni sulla disparità di reddito, gli elevati livelli di debito societario e il verosimile logoramento del tessuto sociale cinese.

Di fronte a queste sfide, il presidente Xi Jinping ha annunciato una nuova era di “prosperità comune”. Secondo questo nuovo paradigma, l’obiettivo generale sarà quello di raggiungere lo status di economia ad alto reddito entro il 2025, un’ambizione che richiede che i livelli di reddito nazionale lordo (RNL) pro-capite aumentino sostanzialmente rispetto ai 10.610 USD del 2020. Per raggiungere questo obiettivo, la Cina cercherà di riallineare i suoi fattori di produzione verso il lavoro attraverso misure redistributive e mobilitando il settore privato.

Sebbene si tratti di un piano pluridecennale, i regolatori hanno anticipato le riforme al 2021 grazie a una “finestra di opportunità” sul fronte della crescita e politico. Inoltre, le autorità si stanno attrezzando a una redistribuzione dei poteri senza precedenti. Questo sarà rivelato durante il Congresso previsto nel terzo trimestre 2022, ma altri spunti dovrebbero essere disponibili entro marzo del prossimo anno. Tutti, tranne due membri del Politburo, dovrebbero dimettersi nel 2022, permettendo così a Xi Jinping di mettere insieme un nuovo governo per portare avanti questo programma

    Il secondo fattore da considerare saranno i nuovi focolai di COVID. La Cina mantiene una politica di “tolleranza zero” nei confronti dei casi di COVID, rendendo la sua economia vulnerabile a epidemie localizzate, che richiedono misure di lockdown di diversa entità. Non ci aspettiamo che queste politiche vengano allentate fino a dopo l’Assemblea Nazionale del Popolo, anche se molto dipende da ciò che accadrà dopo che la Cina avrà ospitato le Olimpiadi invernali nel febbraio 2022.

    Il terzo elemento è il crollo dei prezzi nel settore abitativo. Le pressioni che circondano Evergrande si sono estese al settore abitativo in generale. Di conseguenza, diversi sviluppatori più piccoli non hanno rispettato gli obblighi di pagamento a ottobre, spingendo la People’s Bank of China (PBOC) a confutare i timori di rischi sistemici. Il 17 ottobre, il governatore della PBOC Yi Gang ha affrontato apertamente le preoccupazioni degli investitori per la prima volta, affermando che Evergrande non provocherà uno shock sistemico per il settore finanziario. La PBOC ha inoltre sottolineato che le istituzioni finanziarie sono state adeguatamente capitalizzate per resistere a un crollo del settore immobiliare, esortando le banche a estendere i prestiti e a evitare di reagire eccessivamente alla politica delle “tre linee rosse”. Ciò significa che vedremo ulteriori pressioni sul settore in futuro. I prezzi delle case a settembre sono scesi al 3,3% a/a, ma prevediamo che diminuiranno ulteriormente. Le cifre sono state meno rosee sul fronte degli investimenti, con l’inizio di nuove costruzioni in calo a -4,5% a/a, e prevediamo che gli investimenti immobiliari saranno negativi nel 2022.

    Infine, l’ultimo punto da considerare è la crisi nella produzione di energia. La crisi energetica globale peggiorerà fino a costituire un ostacolo alla crescita, esasperando la carenza di energia mentre ci avviciniamo ai mesi invernali. I prezzi dell’energia sono aumentati da giugno 2021, come risultato delle interruzioni della catena di approvvigionamento globale e di fattori politici idiosincratici. Il carbone rappresenta circa il 60% del consumo primario di energia in Cina. L’attuale prezzo del carbone di fabbrica è di circa 1500 CNY per tonnellata. Al contrario, i generatori di energia arrivano a pareggio anche intorno a 1.000 CNY per tonnellata, rendendo più economico interrompere l’operatività piuttosto che generare energia in perdita.

In futuro, prevediamo che le autorità allenteranno alcuni dei vincoli sull’offerta per ridurre le pressioni al rialzo sui prezzi. Ciò include l’importazione di più carbone termico, consentendo da un lato alle province ricche di carbone come la Mongolia Interna di aumentare la capacità produttiva oltre i limiti approvati, e dall’altro ai prezzi dell’elettricità a monte di aumentare oltre il 10% già implementato. Queste misure allevieranno le pressioni ma non compenseranno del tutto i rischi, soprattutto in caso di temperature anormalmente fredde durante l’inverno. Di conseguenza, prevediamo che l’economia si indebolirà ulteriormente a circa il 4,0% a/a nel quarto trimestre 2021 e al 3,5% a/a nel 1 trimestre 2022. In assenza di un sostegno politico più risoluto, ciò si tradurrà probabilmente in una crescita complessiva più debole nel prossimo anno. Abbiamo quindi deciso di abbassare la nostra previsione di crescita del PIL 2022 al 5,0, dal precedente 5,5%.

Un ciclo di allentamento monetario aggressivo non è alle porte

La PBOC ha già iniziato a implementare un allentamento marginale tramite canali macroprudenziali per evitare di esacerbare i rischi per il settore abitativo. Inoltre, prevediamo una reintroduzione di misure anticicliche per attenuare le fluttuazioni del ciclo economico e compensare eventuali shock esogeni, a partire dal 2 trimestre 2022. La priorità sarà aumentare la spesa fiscale per le nuove infrastrutture, destinare più fondi all’innovazione e aumentare il sostegno alle PMI. Il cambiamento di posizione sarà facilitato da un’attività più debole nel 1 trimestre 2022 e dal rallentamento dell’inflazione. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) rimane molto basso, raggiungendo lo 0,7% a/a a settembre a causa dei prezzi negativi della carne suina. Tuttavia, l’indice dei prezzi alla produzione (PPI) ha raggiunto un livello record del 10,7% a/a a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Implicazioni per gli investitori

Mentre gli investitori potrebbero vedere una tregua ciclica nel 2022, dopo l’inasprimento nel 2021, la Cina continuerà a percorrere un sottile confine tra crescita e riforme. Considerata la crescita del 4,5-5,0% all’anno necessaria per raggiungere lo status di reddito elevato, gli investitori dovrebbero aspettarsi che il PIL rallenti ancora una volta al 5,0% nel 2022 e tenda gradualmente al 4,0% entro il 2025. In sintesi, per la Cina si profila un cambiamento strutturale associato a una nuova regolamentazione e a una crescita inferiore.

Sul fronte azionario, abbiamo assistito a una contrazione dei multipli da marzo 2021. Tuttavia, le valutazioni per il mercato azionario in generale rimangono al di sopra della media decennale. Ciò significa che non possiamo escludere la possibilità di un’ulteriore correzione prima che si presenti il supporto anticiclico nel 2022. Tuttavia, inizieranno a emergere opportunità strategiche per gli investitori attivi, in particolare nel settore tecnologico, dove la correzione è stata più pronunciata. Da un punto di vista tattico, il conto capitale chiuso della Cina e il crollo del settore immobiliare implicano rischi al rialzo per le azioni. Gli immobili rappresentano circa il 60% della ricchezza totale delle famiglie in Cina. Il crollo del settore immobiliare porterà quindi gli investitori domestici a concentrarsi sulle azioni e lontano dal settore immobiliare. Continuiamo a preferire i mercati azionari onshore rispetto a quelli offshore. Gli investitori a lungo termine possono anche beneficiare dell’esposizione a quei settori e temi che saranno di importanza strategica nell’ambito del nuovo paradigma della “prosperità comune”. Ciò include la tecnologia di base e le aziende con un focus sui consumi interni, una visione che abbiamo mantenuto dall’annuncio del 14° piano quinquennale nel marzo 2021.

Infine, gli investitori obbligazionari dovrebbero rimanere cauti poiché il settore immobiliare, che rappresenta circa il 70% del mercato obbligazionario cinese ad alto rendimento in USD, rimarrà sotto pressione. Oltre ai fattori sopra menzionati, il settore si trova di fronte a una quantità record di obbligazioni in scadenza nel quarto trimestre 21 e nel 2022.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

BlueBay Asset Management svela il nuovo logo, come parte della prossima fase di crescita

Redazione

T. Rowe Price: Germania, l’accordo di coalizione spingerà al rialzo inflazione e rendimenti

Redazione

Capital Group: l’inflazione dei Mercati Emergenti è elevata, ma potrebbero offrire valore relativo

Redazione