BondWorld.it
Unicredit

UniCredit colloca con successo un bond Senior Non-Preferred benchmark callable

UniCredit ha lanciato un titolo Senior Non-Preferred (strumenti di debito chirografario di secondo livello) callable con scadenza a 7 anni richiamabile dopo 6 anni. …


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Sottoscritto da oltre 170 investitori istituzionali un Senior Non-Preferred 7NC6 per 1,25 miliardi di Euro, con ordini superiori a 2,1 miliardi di Euro

Di importo pari a 1,25 miliardi di Euro, rappresenta la terza emissione effettuata post Covid-19, a conferma ancora una volta della solida base di investitori e della capacità di accesso al mercato in formati differenti da parte di UniCredit.

Grazie al positivo riscontro di mercato, lo spread indicato inizialmente pari a Mid Swap + 280 bps è stato rivisto al ribasso, raggiungendo il livello finale di 255 bps.

Il bond paga una cedola fissa pari a 2,20% per i primi 6 anni, con prezzo di emissione pari a 99,855%, equivalente ad uno spread di 255 bps rispetto al tasso swap a 6 anni. Prevede inoltre la possibilità di una sola call opzionale al sesto anno, al fine di ottimizzare l’efficienza dal punto di vista regolamentare.

Dopo 6 anni, qualora l’obbligazione non venisse richiamata dall’emittente, le cedole verranno fissate per il periodo successivo, e fino alla scadenza, sulla base dell’Euribor a 3 mesi più lo spread iniziale di 255 punti base, con pagamento trimestrale.

Il bond è stato distribuito a oltre 170 investitori istituzionali appartenenti a differenti categorie quali fondi (64%), assicurazioni/ fondi pensione (14%), banche (14%), istituzioni governative (8%). Gli ordini sono pervenuti principalmente da: UK (28%), Francia (22%), Italia (12%), Germania/Austria (11%), Paesi Nordici (9%) e Penisola Iberica (5%).

Barclays, Goldman Sachs International, Natixis, Santander, Société Générale e UniCredit Bank AG hanno curato il collocamento ricoprendo il ruolo di joint bookrunner.

I titoli sono emessi a valere sul Programma Euro Medium Term Notes dell’emittente e, in ragione dello status di Senior Non-Preferred, hanno i seguenti rating attesi: Baa2 (Moody’s) / BBB- (S&P) / BB+ (Fitch). Il taglio minimo delle obbligazioni è di 250.000 Euro e multipli di 1.000 Euro. La quotazione avverrà presso la Borsa di Lussemburgo.

Dopo avere completato con successo il piano di funding TLAC per il 2020, UniCredit ha approfittato delle favorevoli condizioni di mercato per effettuare pre-funding in relazione alle esigenze TLAC per il 2021.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Eni: lanciati con successo due bond ibridi in euro

Redazione

UniCredit colloca un bond Senior Non-Preferred benchmark callable

Redazione

UniCredit emette un bond subordinato Tier2 15NC10

Redazione