BondWorld.it
Unicredit

UniCredit emette 1,25 miliardi di Euro di strumenti

UniCredit S.p.A. ha collocato un’emissione di strumenti Additional Tier 1 (c.d. Non-Cumulative Temporary Write-Down Deeply Subordinated Fixed Rate Resettable Notes) destinata a investitori istituzionali per un totale di 1,25 miliardi di Euro…..


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


UniCredit emette 1,25 miliardi di Euro di strumenti PerpNC 6/2027 Additional Tier 1 (AT1) 

Cedola a 3,875%, la più bassa mai pagata per uno strumento AT1 in Euro da una G-Sib. 

Un libro ordini superiore a 9 miliardi di Euro ha permesso di restringere lo spread di 75 punti base rispetto alle indicazioni iniziali.

UniCredit ha deciso di procedere con l’operazione allo scopo di continuare a rafforzare la propria base di capitale, cogliendo la finestra di mercato particolarmente positiva.

Gli strumenti di tipologia Additional Tier 1 completano il Piano di funding di UniCredit per il 2020 per questa tipologia di strumento e contribuiscono a rafforzare il Tier 1 Ratio. 

Dato il fortissimo interesse del mercato la guidance iniziale, indicata in area 4,625%, è stata rivista in area 4,125%. La cedola, fissata a 3,875%, rappresenta la più bassa mai pagata da una G-Sib per uno strumento AT1 in Euro.

L’operazione ha incontrato una domanda consistente coinvolgendo oltre 500 investitori istituzionali, in prevalenza fondi (70%) e banche (25%) e la seguente ripartizione geografica nell’allocazione finale: UK (21%), Francia (20%), Svizzera (12%), Asia (12%) e Italia (10%).

Il trigger del 5,125% sul Common Equity Tier1 (CET1) prevede che, qualora il coefficiente CET1 del Gruppo o di UniCredit S.p.A. scenda al di sotto di tale soglia, il valore nominale dei titoli sarà ridotto temporaneamente dell’importo necessario a ripristinarne il livello, tenendo conto anche degli altri strumenti con caratteristiche similari e stesso livello di subordinazione.

I titoli sono perpetui (con scadenza legata alla durata statutaria di UniCredit S.p.A.) e possono essere richiamati dall’emittente, soggetto al rispetto dei requisiti regolamentari applicabili, il 3 giugno 2027 e successivamente ad ogni data di pagamento cedola.

La cedola a tasso fisso riconosciuta fino a Giugno 2027 è pari a 3,875% all’anno pagata su base semestrale; in seguito, se non viene esercitata la facoltà di rimborso anticipato, la stessa verrà ridefinita ad intervalli di 5 anni sulla base del tasso swap di pari scadenza vigente al momento maggiorato di 408,1punti base, calcolato su base annuale e rideterminato su base semestrale come da prassi di mercato. Come previsto dai requisiti regolamentari, il pagamento della cedola è pienamente discrezionale.

BNPP, Citi, CS, Deutsche Bank, Goldman Sachs International, Santander e UniCredit Bank AG hanno curato il collocamento ricoprendo il ruolo di joint bookrunner.

I titoli hanno i seguenti rating attesi: “Ba3” (Moody’s) / “B+“ (Fitch).

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

REYL & Cie : emissione obbligazionaria privata di USD 60 milioni

Redazione

Hedge Invest Sgr: Ecubit S.r.l. sottoscrive un’operazione di direct lending

Redazione

UniCredit colloca due emissioni Senior Non-Preferred

Redazione