BondWorld.it
Mehta Kunal Vanguard

Vanguard : Come gestire la liquidità nel mercato obbligazionario durante una crisi

Vanguard – La pandemia ha colpito proprio mentre ci stavamo avvicinando alla fine di un prolungato ciclo del credito. Con valutazioni che sembravano elevate, anche un piccolo sconvolgimento economico sarebbe stato sufficiente a innescare una correzione dei mercati…….

a cura di Kunal Mehta, CFA, Senior Investment Product Specialist, Vanguard Europe


Ma la gravità della crisi del coronavirus ha prodotto uno shock molto più sostanziale. Questo ha portato ai più alti livelli di volatilità dei mercati dalla crisi finanziaria globale del 2008.

Dato che la crescita economica rallenta a causa della pandemia, il nostro team del credito ritiene che una recessione globale sia molto probabile. A oggi non si sa ancora con certezza quanto sarà profonda e prolungata questa recessione.

In risposta alla crisi, gli investitori si sono affrettati a uscire dagli asset di rischio. Possiamo paragonare la situazione al panico che ha colpito il mercato britannico nelle ultime settimane, lasciando gli scaffali dei supermercati completamente spogli.

Ma invece di fare scorta di carta igienica e pasta, gli investitori stanno accumulando denaro.

Questo ha contribuito a ingenti riscatti dai fondi, con il risultato che molti fondi obbligazionari si affrettano a vendere le attività più liquide, tipicamente obbligazioni di breve termine e di qualità elevata. Attualmente chi vende supera di gran lunga chi acquista, anche perché le banche – che tradizionalmente fornivano liquidità – si trovano sotto pressione nel momento in cui le loro linee di credito sono già utilizzate e diventa più difficile operare come in passato.

La liquidità scarseggia poiché le banche non sono in grado di agire come market-maker. Di conseguenza, i costi di transazione sono aumentati e gli spread si sono allargati. Molti investitori si rivolgono alle banche centrali e ai governi per trovare una soluzione. Abbiamo già visto enormi stimoli fiscali, garanzie sui prestiti, tagli dei tassi d’interesse e una ripresa dell’allentamento quantitativo. Le banche centrali stanno cercando di fornire liquidità quasi illimitata attraverso l’acquisto di obbligazioni e interventi sul mercato monetario. E potremmo vedere molto di più nelle settimane e nei mesi a venire.

Ma questi interventi richiederanno tempo per produrre un risultato. E inoltre, dovranno essere sufficienti a cambiare il sentiment del mercato. Per questo motivo, in sostanza, la correzione si articolerà in due fasi.

La prima è la capacità degli investitori di trasformare gli attivi in liquidità, che è ciò che le banche centrali aiutare a fare, e di far sì che i flussi in uscita dai fondi si riducano al minimo. Ci aspettiamo che ciò avvenga presto. La seconda fase è l’impatto economico, che richiederà più tempo.

Tutto ciò costringe gli investitori obbligazionari ad affrontare le questioni della price discovery e del fair value in condizioni di estrema volatilità. I premi per la liquidità sono aumentati e si sono verificate forti dislocazioni dei prezzi in tutta la classe di attivi a reddito fisso.

È lecito attendersi alcune differenze di prezzo, dato che le obbligazioni tipicamente negoziano over the counter e non sempre è possibile ottenere un unico prezzo di compensazione. Tuttavia, di recente abbiamo assistito a dislocazioni di prezzo più ampie rispetto al normale.

Vanguard si sta preparando per affrontare la prossima crisi sin da quando si è conclusa l’ultima. Mettiamo continuamente alla prova i nostri portafogli e, cosa ancora più importante, valutiamo cosa possiamo fare in caso di stress.

Nelle attuali condizioni estreme, la nostra dimensione ci permette di avere vantaggi significativi. Abbiamo una base di clienti ampia e diversificata e quindi, a volte, abbiamo la capacità di far abbinare internamente le richieste in acquisto e in vendita in modo naturale e di fornire i prezzi migliori per entrambe le parti. Le nostre forti relazioni con un certo numero di partecipanti al mercato ci aiutano anche a fare trading in modo più efficace quando i mercati sono più volatili.

La riduzione al minimo del tracking error e la gestione della liquidità sono poi una priorità per i nostri team globali di gestione del reddito fisso e del rischio.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

UBP: i policymaker continueranno a fornire il supporto necessario per la ripresa nel 2021

Redazione

Intesa Sanpaolo: American Jobs Plan: il ritorno degli investimenti pubblici

Redazione

Flossbach von Storch Debito pubblico. Chi pagherà per tutto questo?

Redazione